1 1

IL GATTO

La Regina dei Baci

Ciao bambini, come state?

Stiamo vivendo un periodo molto strano, nel quale siamo costretti a rimanere a casa.   Sicuramente in questo periodo ci sono molte persone che vorreste baciare e abbracciare: un compagno di classe, un cuginetto, i vostri nonni, un vicino di casa, una maestra… Questa settimana vi propongo la lettura di un libro che parla proprio di questo: "La Regina dei Baci". Ora...Chiudi gli occhi e pensa a una persona che ti manca, che vorresti abbracciare forte!

 

Chiudo gli occhi e vorrei abbracciare il compagno di classe Alessio perché lo considero il mio migliore amico. Insieme a lui mi piace giocare a calcio, a palla avvelenata e a flipper. Quando lo rivedrò vorrei salutarlo e abbracciarlo e raccontarci cosa abbiamo fatto nel periodo in cui siamo rimasti a casa. (N.Z.)

"Se chiudo gli occhi vorrei abbracciare la mia amica Maria, perchè è una bambina generosa e molto buona. Insieme a lei mi piace parlare di libri e giocare all'aperto" (C.B.) 

 

 

 

Io  vorrei  abbracciare  il  cavallo  Wan  Gan perché  mi manca  tantissimo  e  mi mancano le  lezioni  di  cavallo. Insieme  a  lui  mi  piace  andare al galoppo, trotto  e passo. Quando  tornerò  al  Ranch  gli  vorrei  dare  un  forte  abbraccio. (E.O.)

 

 

 

Chiudo gli occhi e vorrei abbracciare la mia amica Geeeta, mi manca tanto... Quando la rivedrò vorrei chiederle come sta e sentire come ha passato questo periodo a casa. Oltre a Geeta mi mancano tutti gli altri miei compagni e le maestre. (E.L.)

 

 

In questo periodo mi manca la mia amica Elide, tutti i miei compagni di classe, i nonni, gli zii e tutti i miei cugini.(E.Z.)

 

  

 

Chiudo gli occhi e vorrei abbracciare la mia amica Svetlana (...) Assieme a lei mi piace fare il pigiama party, giocare con le bambole, con il Monopoly e mangiare in compagnia! Quando la rivedrò le darò un forte abbraccio e tantissimi bacini! (G.P.)

 

 

Chiudo gli occhi e vorrei abbracciare lo zio Diego perchè non lo vedo da tanto tempo. Insieme a lui mi piace guardare i film in tv ma anche andare al cinema e mangiare i pop corn! (G.S.)

 

Chiudo gli occhi e vorrei abbracciareMatteo, il mio migliore amico e compagno di classe perchè andiamo molto d'accordo! Insieme a lui faccio molti giochi; andiamo a fare delle lunghe corse nei campi assieme al suo cane Candy. Quando lo rivedrò passeremo sicuramente un bel pomeriggio in compagnia! (G.F.)

Chiudo gli occhi e vorrei abbracciare: le mie amiche, i miei nonni e i miei cuginetti. Perché non li vedo da tanto tempo e a tutti quanti voglio molto bene! Insieme a loro mi diverto a giocare ma i miei nonni spesso li aiuto. Quando li rivedrò vorrei prima di tutto abbracciarli e poi darò loro un grosso bacio. P.S. Non vedo l’ ora anche di riabbracciare i gatti DRACULA (della zia) e BIANCA (della nonna). (M.D.B.)

 

 

Chiudo gli occhi e vorrei abbracciare Gioele il mio migliore amico... Insieme a lui mi piace fare dei giochi a casa sua(...) Quando lo rivedrò vorrei che lui venisse a casa mia a giocare con la mia cagnolina Candy e poi mangiare una bella pizza insieme. (M.B.)  

 

 

 Io vorrei abbracciare Alessio, perchè mi manca molto. Insieme a lui mi piacerebbe giocare a Grenny (...) Quando lo rivedrò lo riempirò di baci! (M.B.)

 

 

 

 

 

Chiudo gli occhi e vorrei abbracciare mio cugino perchè è da tanto che non lo vedo e con lui mi diverto molto. Insieme a lui mi piace giocare a nascondino e ai giochi da tavolo. Quando lo rivedrò vorrei abbracciarlo finchè non sviene e saltargli in braccio perchè è molto alto. (R.R.) 

 

Se chiudo gli occhi vorrei abbracciare la nonna, perchè è sempre gentile, generosa, e quando andavamo là ci preparava sempre i nostri piatti preferiti! (...) Quando la rivedrò vorrei riabbracciarla fortissimo e dirle "Mi sei mancata molto e ti voglio tanto bene!" (S.A.)

  

La persona che vorrei abbracciare è Buba. Insieme a lei mi piace fare i disegni. (V.A.)

Quando chiudo gli occhi vorrei abbracciare Emma, una amica che ho conosciuto in piscina a Cittadella. La vorrei abbracciare perché le voglio bene e perché mi manca molto. Insieme a lei mi piace fare le chiacchiere, nuotare, fare la doccia insieme, farci i regali, anche litigare… Mi immagino che quando si ritornerà alla vita normale potrò invitarla a casa mia e giocare insieme. (L.B.)

 

 

Chiudo gli occhi e vorrei abbracciare i nonni perché mi mancano tanto e non li vedo da molto tempo. Insieme a loro mi piacerebbe giocare a carte, far volare l’aquilone, fare una passeggiata. Quando li rivedrò vorrei dargli un grande abbraccio. (R.V.)

 

 

 

 

In questi giorni se chiudo gli occhi vorrei abbracciare la zia Elisa, lei vive a Verona e non la vedo da tanti giorni (…). Quando la zia potrà venire a trovarmi e vedrò arrivare la sua macchina sul portone sarò felicissimo e le andrò incontro, le salterò in braccio e le darò tanti baci, e poi come sempre, le dirò “Zia giochi con me?”. (A.C.)

 

 

 

 

 

Chiudo gli occhi e ritorno al nostro ultimo giorno di scuola; vedo stelle filanti, crostoli e tante mascherine colorate che corrono felici per il cortile della scola, ignare che quello sarebbe stato il nostro ultimo giorno di scuola. La nostra bella classe è lì che ci aspetta e forse si chiede dove siamo finiti tutti... scomparsi da un giorno all’altro senza lasciare traccia: decorazioni invernali appese alle finestre, i compiti per casa ancora scritti alla lavagna, il nostro “Favole al telefono” lì sopra la cattedra pronto per essere letto dopo qualche giorno. E un pezzetto di cuore lasciato fra quelle mura. Ma già tante idee frullano nella mia testa per il nostro ritorno e mille altre sorprese per ripartire insieme! Quando torneremo sarà bellissimo darci il nostro “abbraccio speciale” e sono sicura che nessuno avrà dubbi su quale simbolo scegliere!! Maestra Valentina

A cura della classe terza.  

PER COMBATTERE LA NOIA...

Caro lettore e cara lettrice,

Non sai più che pesci pigliare durante questo periodo in cui devi stare a casa? Ti annoi a volte ed il tempo sembra non passare mai? Hai esaurito tutte le idee e non ti viene più in mente nulla di interessante da fare?

Non ti preoccupare, i bambini di classe seconda sono pronti a venirti in aiuto con le loro idee: ecco VENTI COSE DA FARE A CASA DURANTE LA QUARANTENA + 1 suggerite direttamente da loro!

  1. Fare una piccola passeggiata vicino a casa e creare un mazzo di fiori con i fiorellini che trovi lungo ai fossi.
  2. Creare un nuovo profumo mescolando i vecchi profumi trovati in casa.
  3. Giocare a “Strega comanda colori” in giardino.
  4. Prendere la bici e fare le corse in giardino centrando tutte le pozzanghere.
  5. Giocare a calcio in giardino.
  6. Guidare un trattore assieme ad un adulto.
  7. Fare un cartellone con tutta la propria famiglia con un arcobaleno con tre colori: il rosso, il bianco ed il verde, cioè la bandiera italiana. Poi scriverci una frase di incoraggiamento come ad esempio “tutto andrà bene” e appenderla fuori dalla finestra di casa.
  8. Tagliare la legna con i nonni.
  9. Fare i biscotti con le gocce di cioccolato.
  10. Arrampicarsi su un albero in giardino o nel campo dietro casa.
  11. Scrivere un libro.
  12. Giocare a fare la cassiera o il cassiere con le cose trovate in casa.
  13. Giocare con la terra in giardino e poi piantare della piantine nei vasi.
  14. Fare l’orto.
  15. Fare un puzzle di 1000 pezzi.
  16. Leggere un bel libro come “Nocedicocco draghetto sputafuoco”.
  17. Dare da mangiare alle galline e poi piantare i semi del loro cibo per vedere poi che pianta nasce.
  18. Fare il pane fatto in casa.
  19. Costruire uno strumento musicale.
  20. Aggiustare la propria bicicletta.
  21. Questo suggerimento invece è da parte delle maestre per i grandi: ricordare sempre che la noia è il nutrimento segreto della creatività! Lasciamo senza rimorsi che la noia trovi spazio nella vita dei nostri bambini che di solito è molto piena di impegni imposti da noi adulti. Abbiamo il privilegio di osservare come vivono, di riscoprire che cosa scelgono di fare proprio ora che non hanno molti impegni imposti e di capire che cosa li rende davvero felici: impegniamoci ad essere dei testimoni rispettosi di questo tempo ritrovato e riscopriremo i nostri bambini intraprendenti, fantasiosi, creativi e vitali. Annotiamo tutto in un diario così da non dimenticarcene quando torneremo alla vecchia frenesia!

Tenete a mente anche questo… tutto andrà STRA bene!

A presto!

La classe seconda

PS: inseriamo qui di seguito alcuni lavori fatti a casa dai bambini di classe seconda… perché la scuola sarà anche chiusa, ma continua ad essere molto attiva e presente! Ciaooo a tutti!

Racconto come sto vivendo questo periodo di vacanze forzate

I ragazzi di classe quarta raccontano come stanno vivendo questo periodo di "vacanze forzate" a causa del coronavirus:

Il “coronavirus” è un virus che si è sviluppato in Cina. Inizialmente viveva e si sviluppava unicamente negli organismi degli animali, come i pipistrelli e serpenti, poi attraverso un cambiamento genetico si è adattato anche all'uomo. Questo virus è di facile diffusione e ora è presente in molte parti del mondo. Per tenerlo sotto controllo sono state delimitate delle “zone rosse" cioè le zone con il numero di contagi più alto. In Italia sono: Il Veneto, la Lombardia e l'Emilia Romagna.  Il “coronavirus “ provoca la polmonite e quindi gravi problemi respiratori.  Le persone più deboli muoiono a causa di questo pericoloso virus. Nelle persone più forti invece si manifesta come un semplice raffreddore.  Per evitare che si diffonda rapidamente il Ministero della salute ha deciso di chiudere le scuole. Devo dire che noi siamo fortunati,  perché abbiamo i nonni che ci possono accudire in questi giorni di vacanze forzate. Sì, a me manca la scuola e ho voglia di rivedere i miei compagni e le maestre, vorrei riprendere la normalità. Spesso facciamo delle passeggiate e leggiamo dei libri lasciati da parte per mancanza di tempo e inoltre alla sera possiamo coccolarci di più. I miei genitori mi dicono che non devo aver paura del Coronavirus, ma devo stare attento e rispettare alcune regole. Meglio fare un sacrificio adesso piuttosto che andare avanti con questa brutta storia,  così  potremo riprendere a breve tutte le nostre attività e tornare alla nostra vita normale.

 

In questi giorni ci hanno fatto rimanere a casa, chiudendo tutte le scuole oltre alla nostra. Hanno chiuso ogni programma e manifestazione: Il Carnevale, le messe e per un po' anche le partite di calcio. Molti paesi possono svolgere attività limitate, per colpa di un virus chiamato: Coronavirus. Di questo Coronavirus ho capito che si diffonde con molta facilità e, per questo, molta gente si è lasciata prendere dal panico e i governanti hanno dovuto prendere provvedimenti: si deve stare a un metro di distanza,  bisogna lavarsi bene le mani,  si deve starnutire sulla parte interna del gomito e altre… Questo virus ha fatto molte vittime, colpisce soprattutto persone con malattie o con problemi di salute, per fortuna lascia in pace i bambini. La Cina è lo Stato maggiormente colpito, si pensa sia partito da lì, anche qui in Italia, soprattutto in Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna si sta diffondendo e probabilmente  si espanderà in tutto il mondo. Ho realizzato che ora, con la comparsa del virus, tutto il mondo sta più attento all’igiene personale, ma c'è chi prende la cosa troppo alla leggera e chi ne fa un dramma. Io sento la mancanza della scuola perché non incontro i miei amici e perché non possiamo imparare cose nuove con le nostre maestre…Gli aspetti positivi sono che posso dormire di più  e passare più  tempo all'aria aperta, rilassarmi e fare quello che non posso fare nei giorni scolastici. Per passare bene questi giorni dobbiamo continuare ad impegnarci nei compiti che le nostre insegnanti ci assegnano e vivere giorno per giorno senza aver paura. Se tutti si impegnano a seguire le regole uscirà presto da questa situazione. 

 Ecco una simpatica poesia scritta da un nostro compagno:

Covid 19

Covid sei tanto piccino,

ma sei diventato

un Killer divino

e ci stai rubando

più di qualche nonnino.

Io che sono un bambino,

mi sento parecchio nervosino.

Spero che tutto passi

in un bel battibaleno!!!

 

1..2..3...E TUTTI IN MASCHERA!!!!

Siamo i bambini di prima della scuola primaria di San Giorgio in Brenta e cari lettori, vogliamo raccontarvi una cosa davvero speciale.

Il 21 febbraio nella nostra scuola abbiamo fatto... voi direte un dettato?...letto una storia?....scritto un testo?Eh no cari miei ...NOI ABBIAMO FATTO UNA MEGA FESTA DI CARNEVALE!

Le nostre maestre avevano organizzato tutto già da tempo e al mattino siamo andati a scuola vestiti in maschera...Che bello vedere ognuno di noi travestito in modo diverso : fatine , cow-boys,ballerine, draghi,carabinieri...e molto di più.

Ma la sorpresa più grande sono state le maestre : anche loro erano in maschera ..così buffe ,quasi quasi non le riconoscevamo più!

Alle 11 siamo andati in giardino e abbiamo fatto merenda con i crostoli portati dai genitori e poi abbiamo giocato,fatto foto, ballato e cantato.

La nostra maestra dj , la maestra Irene , ha intrattenuto tutti con spassosissimi sketch....ci siamo davvero divertiti!

Un modo diverso di STARE BENE A SCUOLA!!!

Ecco alcune foto dei nostri lavori e di questa bellissima giornata: